TERZA CATEGORIA

Brano d'obbligo
The Wind of May di Angelo Sormani

Brano a libera scelta
Free World Fantasy di Jacob de Haan


Alessandro Giovannini, primo Presidente della Società Musicale di Monteleone d’Orvieto (un’istituzione che si autodefiniva “Dilettanti del suono e del canto”), afferma in un documento ufficiale del Comune che la Banda “esiste fra noi fino dall’anno 1848”.
In 164 anni di vita la Banda Musicale di Monteleone d’Orvieto ha collezionato diverse “medaglie d’onore”, avendo avuto l’occasione di esibirsi davanti a Papa Pio IX, in visita Pastorale nella vicina Città della Pieve, al Re d’Italia Umberto I, durante una sua visita ad Orvieto, e addirittura davanti ad Hitler (nel 1938), accolto a Roma da un raduno di Bande delle varie regioni italiane.
E tuttavia non sono state queste occasioni – seppur vissute con orgoglio – ad avere segnato la storia della nostra Associazione.
164 anni passati accompagnando le vicende di un Paese, hanno creato un’identità forte, al punto che la Banda Musicale di Monteleone d’Orvieto - probabilmente l’associazione più longeva sul nostro territorio - è stata ufficialmente riconosciuta (finora unica) come Associazione di interesse comunale.
Il nostro Paese e le sue Amministrazioni hanno sempre rivolto a questa Istituzione un’attenzione particolare, curando con interesse la sua crescita, scritturando Direttori di grande competenza, riconoscendo nello spirito che l’ha mantenuta viva così a lungo, un grande valore sociale.
Attualmente la Banda Musicale di Monteleone d’Orvieto è in realtà il risultato della fusione di anime diverse, avendo accolto risorse importanti provenienti dai Comuni più prossimi, grazie alle quali è ancora oggi possibile dare continuità e voce a questa Istituzione.
Il suo valore ne è risultato accresciuto, poiché in questo modo la Banda è diventata occasione di incontro di identità, di confronto fra comunità e fra le esperienze formative più diverse.
Ne è originato un ensamble musicale con un repertorio colto e raffinato, di largo respiro, che attraversa epoche e stili: dalle arie d’opera più famose (il Và Pensiero o la Vergine degli Angeli per citare solo Verdi), ai brani d’operetta, alle canzoni popolari, fino al pop moderno (è di recente entrato in repertorio un medley dei successi degli ABBA), e che tuttora permette alla Banda Musicale di Monteleone d’Orvieto - oltre ad onorare i classici servizi delle ricorrenze pubbliche - anche di affrontare con apprezzabili risultati rassegne, concerti e gemellaggi.

M° Angela Ciampani
Nata a Città della Pieve (PG) nel 1968 inizia all’età di 4 anni lo studio del pianoforte.
A 8 anni scopre il suo amore per la fisarmonica con la quale si afferma ai primi posti nelle finali di prestigiosi concorsi nazionali ed internazionali.
Si diploma prima di Pianoforte e Fisarmonica presso il Centro Didattico Musicale di Roma, continua poi gli studi diplomandosi in Pianoforte presso l’Istituto di Alta Formazione Artistica “Giulio Briccialdi” di Terni sotto la guida di Carlo Guaitoli.
Nello stesso Istituto studia anche composizione con Marco Gatti.
Si perfeziona in Direzione e Strumentazione Bandistica con Carlo Pirola, docente al Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano.
Dal 1994 dirige la Banda Musicale di Monteleone d’Orvieto e dal 1998 la Filarmonica “Pietro Vannucci” di Città della Pieve con le quali ha diretto numerosi concerti sia in Italia che all’estero.